Sopra i tetti di Firenze

IL DIARIO DI CECILIA PEZZA

giovedì

14

novembre 2013

La notte è una parte del giorno

Categoria Le cose che abbiamo in Comune

maratonamusicale

Brindando alla riapertura del locale La Citè, vi ricordo che il 22, 23 e soprattutto il 24 novembre vi aspetto tutti alla Maratona Musicale promossa dai locali fiorentini. Ne ho già parlato in un altro post: sarà un’occasione di divertimento ma soprattutto di riflessione su cosa vogliamo che sia la nostra città.

Qui di seguito ospito il documento che promuove la giornata.

Mi raccomando, partecipate!

MARATONA MUSICALE

L’ingiusta chiusura “a tempo” de La Citè è un paradosso che mette in evidenza che a Firenze esiste un “problema Notte”. Crediamo sia venuto il momento di affrontarlo, una volta per tutte. I locali serali che aderiscono all’iniziativa “Maratona Musicale” chiedono al Sindaco di avviare con urgenza una discussione sincera e decisiva su questo tema.

REGOLE CERTE, CHIARE E CONDIVISE

Vogliamo creare un quadro di regole condivise dal quale emergano con precisione competenze e compiti, partendo da quanto di buono è già stato fatto con la stesura del Patto della Notte. Chi gestisce una attività commerciale, sociale e culturale deve conoscere e condividere metodologie di comportamento che lo rassicurino sulla liceità e sulla sostenibilità del proprio lavoro. I commercianti e gli operatori della Notte vogliono collaborare al controllo territoriale e non essere lasciati soli ad operare sentendosi addossare poi colpe che non hanno e compiti che non possono assolvere.

LA NOTTE È UNA PARTE DEL GIORNO

Il rispetto ambientale, la tutela della quiete, il diritto al riposo sono beni primari per una città. Al contempo, la vita sociale serale è parte integrante e fondamentale della stessa. Una città internazionale come Firenze deve sapere affrontare il nodo della convivenza tra le diverse anime e necessità senza estremismi, menefreghismi o intolleranze. Trovare il giusto equilibrio fa parte della funzione della pubblica amministrazione che non può delegare o farsi sostituire in questo dalla magistratura nel dirimere le tensioni sociali.

DI QUALE NOTTE VIVE FIRENZE?

Una città si confronta anche sulla capacità di proporre e di offrire. Quale notte vogliamo offrire ai nostri ospiti sia locali che internazionali? Quella del degrado ambientale e sociale, delle risse, del far west alcolico o quella di una città che vive, che lavora, che suona, che diverte? Noi crediamo e vogliamo una Firenze moderna, aperta, viva. Non una città selvaggia, dove le regole non vengono rispettate e ognuno fa quello che gli pare contando su una impunità di fatto. E nemmeno quella spenta, vuota, morta dove il nulla è padrone di strade buie e pericolose. Si dia una mano a chi si impegna e si penalizzi invece chi intende sfruttare lo scarso controllo territoriale. La legalità è un bene comune, non può diventare una formula vuota.

Per questo abbiamo inventato e organizzato la “Maratona Musicale”. Una manifestazione itinerante che per tre giorni riempirà le strade, i locali e la città di Musica, di voglia di divertirsi, di incontrarsi, discutere e confrontarsi. Per una Firenze che torni a misurare la vita in note e non in decibel.

 

Parliamone