Sopra i tetti di Firenze

IL DIARIO DI CECILIA PEZZA

lunedì

27

gennaio 2014

Bim Bum Bam è fantasia

Categoria Fedeli alla Linea

Insomma sono venti anni che il Cavaliere ha fatto il suo discorso all’Italia, la sua discesa in campo.
Correva l’anno 1994.
Io avevo sette anni, e con la mia sorella grande (raggiungeva addirittura il decimo anno d’età!) guardavamo Bim Bum Bam il pomeriggio. Era una cosa bellissima: un’ora di cartoni animati tutta per noi, una tregua tra la scuola ed i compiti a casa.
Proprio nel 1994, quando i nostri amati paladini venivano interrotti dalla pubblicità, apparve quel cielo azzurro con le nuvolette bianche e uomini e donne vestiti anni Novanta, sorridenti e sicuri, che intonavano “Dai Forza Italia è tempo di vincere!”.

Insomma sono vent’anni che è passato quel cielo terso ricco di falsi speranze per noi bambine in attesa del cartone successivo.

In questi venti anni noi siamo cresciute, tra qualche mese, strano il caso, entrambe ci sposeremo.
In questi venti anni la sinistra è cambiata, sia nelle sigle che nei volti, e pure un po’ nelle proposte, direi.

L’unico che in vent’anni è rimasto uguale a se stesso è quindi proprio il nostro Cavaliere. Buon per lui, che devo dire. Peggio per noi.

In ogni caso si sa: Bim Bum Bam fa anche questo, Bim Bum Bam è fantasia.

 

Parliamone