Sopra i tetti di Firenze

IL DIARIO DI CECILIA PEZZA

giovedì

21

novembre 2013

Eroi.

Categoria Fedeli alla Linea

gd Mi ricordano che oggi è il quinto compleanno dei Giovani Democratici.
Allora lo festeggiamo con un decalogo.

1 – I GD sono quelli che quando c’è la Festa vengono utilizzati per tutto, dal coccardaggio alla vigilanza (diurna, quella della notte ormai è raramente in mano ai volontari).
2 – I GD sono quelli con cui anche il più imbranato smanettone impara ad impostare un volantino.
3 – I GD sono quelli che i rappresentanti d’istituto, la consulta degli studenti, il senato accademico, eccetera eccetera eccetera (direbbe Gaber).
4 – I GD sono quelli che la bandiera rossa no, ma neanche quella tricolore del PD: ci assestiamo su un pacato e caloroso arancione…
5 – I GD sono quelli che cinque anni fa hanno rischiato seriamente di chiamarsi Fermenti Democratici: un attentato alle democrazia.
6 – I GD sono quelli che ancora nel 2013 sperano in qualche corteo ogni tanto, ma poi se proprio non ce la dovessero fare va bene anche una festa in una Casa del Popolo. Prezzi assolutamente popolari.
7 – I GD sono quelli che a diciassette anni sanno già compiti e competenze di segretario, segreteria, direzione, direttivo e assemblea.
8 – I GD sono quelli che alle tre di notte ancora non hanno chiuso lo stand e nemmeno ci pensano tra partite a calcetto e Redefinition of Disco.
9 – I GD sono quelli che dopo una riunione c’è sempre una birra (e magari ogni Comune ha una Pezza che vorrebbe andare a letto).
10 – Infine i GD sono quelli che nel PD io chiamerei eroi. Già.
Perchè sono stati per cinque anni l’avanguardia coraggiosa di questo partito. Sempre pronti a criticarlo ed a difenderlo. Perchè sono andati davanti alle fabbriche prima che ci arrivassero tanti altri, e perchè provano a rappresentare chi non ha voce. Perchè hanno fatto una festa nazionale a Torre del Lago mentre il Pd discuteva ancora con la Binetti. Perchè sono giovani ma non si vergognano delle proprie radici. E poi perchè sanno cosa sia una comunità politica.
Spesso i GD sono quelli degli attacchinaggi durante le campagne elettorali, dei volantinaggi e del coccardaggio.
Altre persone queste cose non sanno nemmeno cosa siano e siedono tranquillamente in qualche organismo istituzionale.
Beh, mi dispiace per loro.
Non sanno cosa si sono persi.

Tanti auguri Giovani Democratici.
E grazie a chi c’è stato, a chi c’è ed a chi ci sarà.

 

Parliamone